PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI – scheda pratica per il visitatore

La Piazza del Diavolo (foto di Enrico Canal presente sul sito del parco)

Il Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi è stato istituito nel 1990 e si estende per 32.000 ettari all’interno della Provincia di Belluno, tra le valli del Cismon ad Ovest e del Piave ad Est, con propaggini a nord verso il bacino del Maè (Val Prampèr) e nel basso Agordino. Comprende in tutto o in parte i gruppi montuosi delle Alpi Feltrine, dei Monti del Sole-Feruch, della Schiara-Talvéna e del Prampèr-Spiz di Mezzodì. Questi gruppi rappresentano un po’ l’essenza più selvaggia ed integra delle Dolomiti ed in alcuni punti sono poco o per nulla frequentati.

parco_dolomiti_bellunesi_logoIl Parco racchiude in sé paesaggi di aspra bellezza e di difficile accesso, come pure praterie in quota dolci e bucoliche. Da un punto di vista prettamente spettacolare, le crode dolomitiche qui danno il meglio di sè con il poderoso Sass de Mura, con la famosa Schiara e con una delle 3 pareti più alte delle Dolomiti, quella del Burel, oltre 1500 m di verticalità.

La zona del parco è scientificamente rilevante soprattutto per la grande ricchezza e rarità della flora. Le piante con fiori e quelle come le felci, dotate di radici, fusto e foglie, hanno una consistenza di circa 1.400 entità cioè 1/4 della flora dell’intero territorio nazionale, e tra queste non sono poche quelle endemiche, rare, o di elevato valore fitogeografico.

Il settore delle Vette Feltrine è caratterizzato da cime erbose ed estesi detriti di falda, circhi glaciali e conche carsiche di rara bellezza. Vi si accede generalmente da Croce d’Aune. II sottogruppo di Cimonega ha invece un’impronta tipicamente dolomitica e culmina nei 2550 m del Sass de Mura. E’ accessibile dalla profonda Valle Canzoi, dalla quale si raggiungono anche gli altopiani dei Piani Eterni. Aspetti dolomitici e prealpini sono mirabilmente fusi nei sottogruppi del Pizzocco e di Agnelezze. I Monti del Sole rappresentano il cuore selvaggio del Parco. Superbi e quasi inaccessibili, si propongono quale santuario dove le forze degli agenti naturali sembrano respingere i tentativi dell’uomo di piegare la natura. Già da quote molto basse, profonde forre, canalini detritici, cascatelle, ripide creste e spuntoni rocciosi, dirupi boscati, delineano un paesaggio di rara selvaggia suggestione. Anche sul versante bellunese si apprezza l’alternanza fra imponenti pareti dolomitiche (si pensi al Burel e alla Schiara) e cime erbose (Monte Serva). Di eccezionale pregio anche la bella foresta nella conca di Cajada e gli spalti erboso-rupestri del gruppo della Talvéna. Caratteristici delle Dolomiti più interne sono infine i freschi versanti sulla destra idrografica del torrente Maé (Val Pramper e del Grisol) che si differenziano nettamente dagli aridi e dirupati pendii che si osservano risalendo la Valle del Piave tra Ponte nelle Alpi e Longarone. All’interno del perimetro del Parco sono inclusi i due laghi artificiali del Mis e de La Stua in Val Canzoi.

map_parco_dolbellunesi_icon

Come arrivare
Il Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi è a meno di cento chilometri da Venezia. Le principali città d’ingresso al parco sono Belluno e Feltre. Belluno è raggiungibile in auto da Mestre e Venezia, attraverso l’autostrada A27 (uscita Pian di Vedòia) e poi lungo un breve tratto, prima della statale 51 fino a Ponte nelle Alpi e poi della statale 50. Feltre è raggiungibile da Vicenza percorrendo l’autostrada della Val d’Astico A31 (uscita Dueville), proseguendo poi lungo la statale 47 (della Val Sugana) quasi fino a Primolano, e quindi un tratto della statale 50 bis, poi 50. Da nord le principali vie d’accesso a Feltre sono: per chi proviene da Trento la statale 47 (superstrada della Val Sugana) fino a Primolano, e la statale 50 per chi valica il Passo Rolle; e a Belluno, per chi giunge da Cortina d’Ampezzo e dal confine austriaco, è la statale 51 (di Alemagna).
Dal Friuli Venezia Giulia, per chi proviene da Gorizia, Trieste e dal confine sloveno, è preferibile percorrere l’autostrada A4 ed imboccare, prima di Mestre, l’autostrada A27 per Belluno; mentre chi giunge da Udine e Pordenone può seguire la statale 13 fino a Vittorio Veneto e poi la statale 51 per Ponte nelle Alpi e da qui un breve tratto della statale 50 fino a Belluno.
La superficie del Parco è intersecata da due arterie stradali: la provinciale n.2 della Valle del Mis e la statale Agordina n.203 nel tratto che percorre la bassa Val Cordévole. Hanno un percorso pressoché parallelo, sono separate fra loro dal Gruppo dei Monti del Sole, e mettono in comunicazione la media Val Belluna con l’Agordino.

Salvo la statale 203 Agordina, che risale la valle del Cordevole, e le strade della Val Canzoi e della Valle del Mis, non esistono altre strade di penetrazione nell’area del Parco. Strade e piste forestali sono rigidamente precluse al transito veicolare.

Feltre e Belluno sono servite dalla linea ferroviaria Padova-Montebelluna-Feltre-Belluno-Calalzo anche con servizio di trasporto biciclette (Padova-Feltre 83 Km in circa1 ora e 30 minuti, Feltre-Belluno 31 Km in 30 minuti). Treni diretti da Venezia per Belluno sono convogliati sulla linea Venezia-Treviso-Conegliano-Ponte nelle Alpi-Belluno (160 Km in circa 2 ore). Dalle città è possibile raggiungere i punti di inizio delle escursioni prevalentemente in autocorriera (info presso la Dolomiti Bus).

Strutture ricettive in quota http://www.dolomitipark.it/it/rifugi.bivacchi.php
Webcam www.dolomitipark.it/it/page.php?id=257

Periodo migliore: da metà giugno a fine ottobre

Sede: Piazzale Zancanaro, 1 – 32032 Feltre (BL)
Tel. 04393328 info@dolomitipark.it www.dolomitipark.it

Luca Bridda

Luca Bridda

Fondatore di www.abcDOLOMITI.com, laureato con master, lavora da oltre 10 anni nel settore Human Resources e nel settore marketing-vendite. Pubblica articoli per le più note riviste dedicate alla montagna e all’alpinismo, è appassionato da vent'anni di alpinismo e arrampicata sportiva.

2 pensieri riguardo “PARCO NAZIONALE DOLOMITI BELLUNESI – scheda pratica per il visitatore

  • 29 ottobre 2015 in 14:05
    Permalink

    Buongiorno Luca,
    Mi intrigano i posti isolati e selvaggi, dove l’influenza dell’uomo non ha alterato quel miracolo che è la natura. Non conosco quella zona, che tu sappia, questo parco, per quanto riguarda la fauna selvatica, è ben frequentato? Viviamo anni in cui gli animali selvatici si riappropriano dei territori da cui erano stati cacciati e trovo questo bellissimo…

    Risposta
    • Luca Bridda
      4 novembre 2015 in 10:41
      Permalink

      Presto amplierò questo articolo dedicato al Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi, Andrea, perché lo conosco molto bene e vorrei suscitare la giusta curiosità in altre persone amanti della natura.
      Ci sono moltissimi animali che scorrazzano liberi, sì, e luoghi dimenticati dall’uomo, impervi, dove la natura ha ripreso possesso di tutto, ma anche zone bucoliche, dolci, facili, estremamente spettacolari.

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *