Mayan Smith-Gobat, Ines Papert e Thomas Senf ripetono Riders on the Storm sulla Torre Centrale del Paine, Patagonia

Ines Papert, Mayan Smith-Gobat e Thomas Senf dal 16 gennaio al 20 febbraio hanno ripetuto Riders on the Storm (7c+, A2, 1300m), via aperta 25 anni fa da Wolfgang Güllich, Kurt Albert, Bernd Arnold, Norbert Bätz e Peter Dittrich.

Si tratta in assoluto di una delle linee più belle in Patagonia, a suo tempo gradata 7c, A3 ed entrata subito nel mito. Durante questa ripetizione il grado in libera è aumentato e quello in artificiale è calato perchè ovviamente l’idea era di liberarla. Non tutto è andato secondo i progetti perchè alcune sezioni sono state salite in artificiale ma altre nuove varianti sono state aperte, per raggiungere forse in un prossimo futuro la prima libera integrale.

Da notare che durante la scalata per poco non si è sfiorata la tragedia, quando il portaledge degli alpinisti è stato colpito da una scarica di sassi. Poi, le mutate condizioni del tempo hanno interrotto il lavoro sui singoli tiri e la ricerca di varianti fattibili.

(Foto di Thomas Senf)

Luca Bridda

Luca Bridda

Fondatore di www.abcDOLOMITI.com, laureato con master, lavora da oltre 10 anni nel settore Human Resources e nel settore marketing-vendite. Pubblica articoli per le più note riviste dedicate alla montagna e all’alpinismo, è appassionato da vent'anni di alpinismo e arrampicata sportiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *