Palestra di roccia della Val Gallina

Questa palestra è più adatta ai corsi roccia del CAI e agli alpinisti che alla pratica dell’arrampicata sportiva: le protezioni non sono mai all’altezza e la roccia in alcuni punti è sporca e friabile. E’ però un luogo che merita anche solo una visita esplorativa, perché carico di storia e in ambiente incassato, a suo modo suggestivo. Se poi si valuterà opportuno trarre dallo zaino la corda e fare due tiri, non si sarà sprecato del tempo, a patto di avere con sé nut e friend, cordini e attrezzatura varia.

———————————–

Tutte le info aggiornate su questa falesia e su altre 38 le trovi nella nuova GUIDA ALLE FALESIE di Belluno, Alpago, Val Cellina, Feltrino, Valle del Piave (ediz. 2.0) – di Luca Bridda. La guida è disponibile per la vendita online su www.amazon.it e www.lulu.com (NB: le librerie possono ordinare la guida registrandosi su Lulu e creando poi un ticket di “assistenza”, con il quale otterranno uno sconto del 30% sugli ordini per garantire i margini). La guida costa 14 euro.
Contenuti: Parete dei Falchi, zona boulder di Soverzene, Passerella, Socchèr, Val Gallina, Mas-le Masiere, zona boulder del Mas, Le Rosse, Rif. Settimo Alpini, Malcom, Palazzetto di Longarone, Terrazza sul Lago, Cornolade, Quantìn classica e nuova, Ronce, Polpèt alta e bassa, Cajàda, Carota, Val d’Oten, Erto Big e No-big, Casso, Compol, Cellino, Parete dei Sediei, Stretto delle Gote, Rif. Pordenone, Podenzoi, Igne, Fonzaso, area boulder della Val Scura, Tarzan Wall, Ceresera, San Mamante, Val Bruna, area boulder di Claut, le Perine (Feltre), Fadalto Basso, Monte Teverone, Torrente Maè.
GUIDA ALLE FALESIE di Belluno, Alpago, Val Cellina, Feltrino, Valle del Piave
GUIDA ALLE FALESIE di Belluno, Alpago, Val Cellina, Feltrino, Valle del Piave

 

——————————————————-

Riportiamo qui solo le informazioni per l’accesso, tralasciando nomi di vie e difficoltà, i quali comunque in generale vanno dal III al VI grado, quindi non sono certo da top climber. L’attrezzatura delle vie è quanto mai variegata e va dal nulla assoluto a infissi metallici cementati, spit arrugginiti, chiodi a pressione stile Cerro Torre, fittoni resinati nuovi di zecca, chiodi da roccia. Insomma, un po’ di tutto…

Accesso
Da Ponte nelle Alpi si guida l’auto fino alla frazione di Soverzene, si attraversa tutto il paese e, giunti ad un piccolo bivio con cappelletta, si prende la stradina di sinistra che scende in forte pendenza verso il greto del Piave dove ci sono gli impianti sportivi. Subito dopo si prende a destra, proseguendo per sterrata e parcheggiando in prossimità dell’imbocco della stretta piccola valle (due cartelli che indicano la palestra). Costeggiando il torrente che sbuca da una forra si arriva sotto le pareti. Alcune vie sono segnate con sbiadita vernice bianca o rossa, altre sono individuabili solo grazie agli infissi metallici. Per chi dovesse essere interessato, segnalo che è presente anche una breve ferrata.

Palestra di roccia della Val Gallina, ingresso della valle
Palestra di roccia della Val Gallina, ingresso della valle
Palestra di roccia della Val Gallina
Palestra di roccia della Val Gallina
Luca Bridda

Luca Bridda

Fondatore di www.abcDOLOMITI.com, laureato con master, lavora da oltre 15 anni nel settore human resources e nel settore web marketing/vendite. Pubblica articoli per le più note riviste dedicate alla montagna e all’alpinismo, è appassionato da venticinque anni di alpinismo e arrampicata sportiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.